Patatine fritte contro mandorle: Caloria per caloria, chi ne esce vincente?

In un mondo perfetto, concedersi una porzione giornaliera di patatine fritte invece che di mandorle sarebbe una scelta semplice e nessuna conseguenza negativa deriverebbe dalla scelta dell’opzione salata e fritta. Ma un esperto di Harvard sostiene che dovremmo prendere con le molle i risultati di un nuovo studio a sostegno di questo scenario. Questa ricerca, finanziata dall’industria delle patate, suggerisce che non c’è alcuna differenza significativa tra il consumo di una porzione di patatine fritte da 300 calorie e una porzione di mandorle da 300 calorie al giorno per un mese, in termini di aumento di peso o di altri indicatori del rischio di diabete.

Forse fare uno spuntino con le patatine fritte invece che con le mandorle, ricche di proteine, non farà salire l’ago della bilancia nel breve periodo, ma questo non rende la decisione ugualmente salutare, afferma il dottor Walter Willett, professore di epidemiologia e nutrizione presso la Harvard T.H. Chan School of Public Health. Le mandorle, croccanti e sazianti, offrono benefici per la salute, tra cui la riduzione del colesterolo “cattivo” LDL. A lungo termine, sono un’opzione di gran lunga migliore per aiutare a prevenire le malattie croniche, compreso il diabete, o a ritardarne le complicazioni.

“Abbiamo imparato da molti studi condotti negli ultimi vent’anni che gli studi sulla perdita di peso che durano meno di un anno rischiano di dare risultati fuorvianti, quindi uno studio che dura solo 30 giorni è meno che inutile”, afferma il Dr. Willett. “Per esempio, gli studi di sei mesi o meno mostrano che le diete a basso contenuto di grassi riducono il peso corporeo, ma gli studi di un anno o più mostrano il contrario”.

Quali fattori di salute ha misurato lo studio?

Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition. I ricercatori hanno suddiviso a caso un gruppo di 165 adulti (età media 30 anni; 68% donne) in tre gruppi per 30 giorni e li hanno assegnati a mangiare una porzione giornaliera da 300 calorie di uno dei seguenti alimenti:

  • mandorle tostate e salate (circa 1/3 di tazza)
  • patatine fritte semplici (porzione media)
  • patatine fritte condite con erbe e spezie (porzione media).
  • I ricercatori hanno fornito ai partecipanti 30 porzioni di un solo giorno del loro alimento, dicendo loro di incorporarlo nella loro dieta
  • quotidiana, ma non offrendo ulteriori istruzioni per modificare la dieta o i livelli di attività per compensare l’assunzione di 300 calorie.

La quantità di grasso nel corpo dei partecipanti è stata misurata, insieme al peso totale, alla glicemia, all’insulina e all’emoglobina A1C (un riflesso a lungo termine dei livelli di zucchero nel sangue) all’inizio e alla fine del mese. Cinque partecipanti di ciascun gruppo sono stati inoltre sottoposti a test post-pasto per valutare le risposte glicemiche a breve termine.

Il peso non è l’unica cosa che conta per la salute

Dopo 30 giorni, i cambiamenti nella quantità di grasso corporeo e nel peso corporeo totale erano simili tra i gruppi di patatine fritte e di mandorle. Così come i livelli di glucosio e insulina misurati attraverso analisi del sangue dopo il digiuno.

Tuttavia, è emersa una differenza fondamentale: i partecipanti al sottogruppo delle patatine fritte presentavano livelli più elevati di glucosio e insulina nel sangue subito dopo aver mangiato le patatine, rispetto ai mangiatori di mandorle.

Si è tentati di concludere che non c’è molta differenza tra patatine e mandorle: sono le calorie che contano. Ma una lettura più attenta rafforza l’idea che due prodotti generalmente collocati agli estremi opposti dello spettro alimentare sano sono ancora più distanti di quanto i risultati dello studio possano far credere.

L’unico dato chiaro è che il consumo di patatine fritte aumenta la glicemia e la secrezione di insulina molto più delle mandorle”, spiega il dottor Willett. “Questo è coerente con gli studi a lungo termine che dimostrano che il consumo di patate è associato a un aumento del rischio di diabete di tipo 2, soprattutto se confrontato con i cereali integrali”.