Cosa succede se mangi i semi del melograno?

Il melograno è un prezioso frutto a disposizione nella stagione invernale, anche se grazie l’importazione è reperibile durante altri periodi dell’anno. Il melograno si distingue soprattutto per la ricchezza di vitamina C, preziosa sia come antiossidante, che per mantenere in salute i tessuti (soprattutto di pelle e gengive). La vitamina C è utile anche ad aumentare l’assorbimento del ferro e rafforzare il sistema immunitario. Il melograno apporta anche numerosi antiossidanti, tra cui beta-carotene. Il melograno è costituito da diverse parti: una scorza coriacea che, a seconda delle varietà, vira dal giallo al rosso acceso. Una parte carnosa bianca, in cui sono incastonati gli arilli, ovvero i chicchi dolci, aciduli e succosi, che a loro volta contengono i semi. Ogni melograno ne contiene circa 600, ma gli ibridatori si impegnano a sviluppare varietà con maggior contenuto di arilli e minor parte bianca.

melograno

Semi del melograno, ecco le proprietà

Il melograno contiene 63 calorie, ed è un valido aiuto nelle diete dimagranti. Contiene solo il 3% di grassi e lo stesso quantitativo di proteine. E’ ricco di fibre (4 gr) utili a ridurre l’assorbimento di colesterolo e regolare il transito intestinale. Apporta minime tracce di vitamine del gruppo B, mentre è ricco di vitamina E, folati e vitamina K. Quest’ultima è un’antagonista dei farmaci anticoagulanti, per questo il melograno non deve essere assunto in contemporanea senza prima aver chiesto il parere del medico. Grazie anche all’apporto di potassio (236 mg) i melograni sono un valido alleato della salute cardiaca.

Usi e benefici del melograno

Il potassio è un minerale indispensabile alla corretta contrazione muscolare, inclusa quella del cuore. Nel melograno sono presenti anche altri minerali indispensabili come magnesio, calcio, sodio, zinco, ferro, rame, manganese e selenio. Mangiare melograno favorisce la salute intestinale, migliora la digestione e migliora la circolazione sanguigna. Alcuni studi hanno evidenziato come il consumo di melograno contrasti l’insorgenza di alcune forme tumorali e di diabete di tipo 2.