Quale formaggi mangiare se hai la pressione bassa. Incredibile

Benché si tratti di una condizione meno preoccupante del suo opposto, anche la pressione bassa può farci subire notevoli disagi. Mancamenti, sbalzi, abbattimento sono solo alcune delle situazioni che chi soffre di pressione bassa si trova a gestire. Per pressione bassa di solito si intendono valori pressori al di sotto del canonico 60/90 mmHg, ma si tratta di una condizione soggettiva e questi numero possono essere anche inferiori o superiori al dato indicato. La pressione è data dalla forza con cui il cuore pompa sangue nelle arterie e da eventuali resistenze che il sangue può incontrare durante la circolazione. I sintomi più comuni sono svenimento, vertigini, vista offuscata, senso di nausea o abbattimento, stanchezza e mancanza di concentrazione. Una condizione che fortunatamente si può gestire e modificare a tavola. Ad esempio, sai quale formaggio mangiare se hai la pressione bassa? Incredibile

Quale formaggi mangiare se hai la pressione bassa. Incredibile

Come fronteggiare la pressione bassa grazie all’alimentazione e alle abitudini

Quale che sia l’origine di questo disagio, che sia temporaneo o frutto di una condizione cronica, ci sono alcune abitudini che possono aiutarci a gestirlo. Una di queste è restare sempre idratati, bevendo a piccoli sorsi e spesso. Importante anche mantenere adeguati livelli di sali minerali, preferibilmente attraverso una dieta sana e varia. Tra gli alimenti ricchi di potassio troviamo banane, mandorle, noci e avocado, ma anche spinaci, patate, zucchine e legumi. Tutti questi alimenti apportano anche numerosi altri minerali come zinco, ferro, magnesio e rame. Come rimedio, sia d’emergenza che a lungo termine, troviamo la liquirizia, una radice aromatica che, oltre ad alzare naturalmente la pressione, vanta numerose virtù: ha un effetto sedativo sulla tosse, protegge lo stomaco da ulcere e gastriti e ha un effetto rinvigorente.

 

La scelta dei formaggi

Un ulteriore elemento decisivo per la pressione è il sodio. Tanto è nemico in caso di pressione alta, tanto può venirci in soccorso in caso di pressione bassa. Via libera dunque a tutti gli alimenti che lo apportano e, nel caso dei formaggi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Si potrà gustare liberamente un formaggio precluso a molti altri proprio per la sua ricchezza di sale, quale la Feta greca, buona sia in insalata che come farcia di una pizza bianca, o da gustare sui cracker. A tal proposito uno spuntino che racchiude contemporaneamente sali minerali e sodio è composto da cracker, olive e un tocchetto di Grana o Parmigiano.  Questo spezza fame può esserci di aiuto dia con la pressione bassa che per reintegrare energie dopo uno sforzo fisico o mentale.