Cosa succede se mangi 50 grammi di cioccolato tutti i giorni con l’ipertensione? Incredibile

Il cioccolato è un alleato del buon umore, anche se purtroppo non della linea. Anche se, insospettabilmente, non è del tutto vietato nelle diete ipocaloriche. Ma il dato veramente innovativo e sorprendente è come il cioccolato sia un prezioso alleato contro le malattie cardiovascolari. Grazie alle sue qualità ipotensive il cioccolato aiuta a prevenire patologie quali l’ipertensione arteriosa e le sue possibili conseguenze come l’infarto, ictus e danni agli organi. Ma cosa succede se mangi 50 gr di cioccolato tutti i giorni con l’ipertensione? Incredibile

Cosa succede se mangi cioccolato tutte le sere con l'ipertensione

Quale cioccolato scegliere e cosa aspettarsi

Diversi studi attestano quanto riportato sopra, ma è necessario precisare che tutti si incentrano su i benefici effetti del cioccolato fondente. Bisogna scegliere quindi cioccolato con almeno il 45% di cacao, senza farsi attrarre dal cioccolato al latte, alla gianduia o cioccolato bianco. Il cioccolato fondente ha benefici effetti anche in caso di sindrome metabolica. Ovviamente è importante la moderazione e il quantitativo giusto di cioccolato fondente in caso di ipertensione è di 30 gr al giorno. Un quadratino circa di cioccolato fondente al giorno può aiutarci a mantenere la pressione nei livelli di norma dunque. Ancora meglio se mangiato la sera, così da beneficiare anche di un certo effetto soddisfacente e rilassante, in grado di predisporre al sonno.

Cosa dicono gli esperti

La ricerca che afferma come il cioccolato aiuti a contrastare le patologie cardiovascolari è stato condotto dall’Università di Cambridge, in Inghilterra. I ricercatori si sono basati su 7 differenti studi che hanno monitorato oltre 114 mila persone. Il risultato ha evidenziato come 5 dei 7 studi riuscivano a dimostrare un’associazione positiva tra cioccolato fondente e diminuzione della pressione arteriosa. Su 14.875 soggetti partecipanti allo studio è stata rilevata una riduzione del 37% del rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari e del 29% di ictus. Ovviamente il cioccolato da solo non fa miracoli ed è sempre curare bene curare la propria alimentazione nella sua interezza.